Sorry, you need to enable JavaScript to visit this website.
Come interpretare il movimento della coda del gatto

COME INTERPRETARE IL MOVIMENTO DELLA CODA?

Serve per tenere l'equilibrio, ma è soprattutto per gli umani un dizionario vivente: la coda del gatto, a seconda della sua posizione, racconta le sue emozioni e parla con noi. Si dice infatti che la coda del gatto "non menta mai", ma anche che interpretare i suoi movimenti sia il miglior modo per poter curare e aiutare il micio nei momenti di bisogno, quando è spaventato o arrabbiato. E allora, ecco le nove posizioni classiche della coda del gatto e le loro interpretazioni.

1. Coda dritta del gatto. Puntata su verso l'alto, a formare un angolo retto con il dorso, è una delle posizioni più classiche: è il segnale di un saluto, il suo ciao ma anche la sua gioia nel vederci, e spesso è il momento prima del contatto, in cui il micio studia chi ha davanti prima di avvicinarsi.

2. Coda dritta (con curva) del gatto. Sempre puntata verso l'alto, ma con l'estremità che curva su se stessa, a formare un ricciolino, talvolta un piccolo punto di domanda: in questo caso la coda alzata esprime la curiosità del gatto per quel che ha davanti a sé.

3. Coda dritta che si muove. Ancora una coda tenuta su dritta, ma che questa volta si muove come se tremasse, pur restando compatta e con il corpo rilassato, è un segnale ancora positivo: è il modo del gatto per farti le feste! 

4. Coda del gatto in linea con il dorso. Dritta, sembra essere la prosecuzione naturale del dorso, al massimo si muove lentamente e morbidamente a destra e sinistra: è un segnale di un interesse più tiepido verso qualcosa o qualcuno.

5. Coda del gatto che si agita velocemente. È un chiaro segnale di agitazione del gatto, forse paura o fastidio, spesso sintomo di rabbia. Guardati intorno per capire cosa lo disturba.

6. Coda curva del gatto e pelo dritto. Potrebbe essere un segnale di forte rabbia, ma anche di paura, spesso questo comportamento avviene quando il gatto ha davanti un altro animale vissuto come suo avversario.

7. Coda bassa e punta contratta. Più che davanti a un avversario, qui il micio ha appena scovato una preda e si prepara... all'attacco.

8. Coda nascosta del gatto. Dov'è la coda? Se è mimetizzata tra le gambe e il ventre, è un segnale di paura e significa che il gatto si sente minacciato senza sapersi proteggere.

9. Coda a sfinge. Seduto, la coda avvolge le zampe anteriori, nella tipica posizione della sfinge. È l'apoteosi del relax e spesso in questa posizione il gatto si assopisce e si riposa a lungo.

Indietro
Purina TI RISPONDE