Sorry, you need to enable JavaScript to visit this website.
Il tenero e furbo gatto con gli stivali del film Shrek

IL GATTO CON GLI STIVALI DI SHREK

Emma Gipi
Logo Facebook Logo Twitter

Lo avete visto doppiato da Antonio Banderas in persona nel film-cartone animato Shrek avete sorriso per le sue battute (indimenticabile quando annusa l'erba gatta ritrovata nelle sue tasche, e dice subito a sua discolpa: “non è mia!”), avete ammirato la sua scaltrezza e i suoi modi propri del vero micio di irretire e furbescamente provocare (vincendo), oppure vi siete sciolti nell'ammirare i suoi occhioni dolci? Se non lo avete ancora fatto, e amate i gatti in versione cartone, il Gatto con gli stivali di Shrek merita da solo l'intero film. 

Si presenta in Shrek 2 con addosso la sua casacca tanto simile a quella di Zorro, ma che al posto della Z ha dipinto sul petto una P, che sta per pussy cat, gattino appunto. Indossa poi gli stivali ispirati da uno dei classici delle fiabe, Il gatto con gli stivali, e vive insieme con Shrek e Ciuchino mille avventure per aiutare l'orco verde a riavere la sua amata Fiona, ma solo dopo aver provato a uccidere lo stesso Shrek su commissione della Fata madrina.

È un personaggio della fantasia, ma come gli esseri umani vanta una storia passata: nel lungometraggio “Il gatto con gli stivali” uscito in Italia nel 2011 infatti, si scopre che questo micio è un orfanello ritrovato da una signora e portato in orfanotrofio, mentre in Shrek si vivono le sue avventure da criminale poi pentito. 

È un gatto così amato che la stampa ha già trovato una sua trasposizione in pelo e ossa: il suo sosia più noto è infatti Drogon, un gattino nato lo scorso giugno nello zoo di Philadelphia. Le sue foto hanno fatto il giro del mondo perché a guardarlo bene, si notano proprio gli stessi occhioni dolci e manipolatori del simpatico personaggio dei cartoni.

Indietro
Purina TI RISPONDE