Sorry, you need to enable JavaScript to visit this website.
La storia del gatto diventato milionario

QUANDO IL GATTO DIVENTA MILIONARIO

Roberto Allegri

Di recente sui giornali è stata riportata la storia del micio Tommasino, nominato erede universale da una ricca signora di Roma che gli ha lasciato oltre dieci milioni di euro tra titoli bancari e proprietà immobiliari. Quello di Tommasino però non è un caso unico. Ogni tanto notizie del genere, che tanto fanno pensare al film della Disney “Gli Aristogatti”, catturano l’attenzione dei media.

Nel 1991 a New York, ad esempio, si fece un gran parlare dei gatti Damon e Pythias che avevano ereditato dal loro padrone un favoloso attico a Manhattan sulla Fifth Avenue del valore di 750.000 dollari. Nel 1992 il micio Cyrus di Bridgeport nel Connecticut ricevette in eredità una casa del valore di 850.000 dollari. Pare che la casa avesse cinquanta stanza e che in ognuna ci fosse una cassettina per i bisognini del micio.

Famoso è stato anche il gatto Charlie Chan, erede di una proprietà valutata oltre 250.000 dollari. Qualche anno fa invece, il milionario americano Ben Rea ha donato ad una associazione che si occupa di gatti randagi ben 14 milioni di dollari!

Indietro
Purina TI RISPONDE